DIARIO CAMPO ESTIVO 15-19 LUGLIO

DSCN1562 

LUNEDI’

Per prima cosa abbiamo fatto l’assemblea per presentarci, decidere le regole, i turni di cucina, i responsabili dell’acqua delle asine, della cavalla, del cane  e dell’orto, i turni di cucina, le cose da fare durante la settimana e per parlare dei laboratori del WWF. Poi abbiamo fatto il giro della fattoria e un gruppo è andato a ritirare le uova con Valerio. Dopo quelli del turno di cucina hanno cucinato, un gruppo ha fatto falegnameria, un altro gruppo ha fatto il pane. Dopo pranzo abbiamo giocato e poi fatto una passeggiata al pratone con la cavalla Canapicchia, dove abbiamo giocato con la casetta, le altalene, il cane Oscar. Al ritorno abbiamo fatto merenda e poi abbiamo diserbato un po’ l’orto, pulito il box della cavalla e giocato nel frutteto.

 DSCN1507

MARTEDI’

Stamattina i vari responsabili si sono occupati degli orti, della stalla degli asini, dell’acqua di Oscar e di Canapicchia. Dopo abbiamo fatto una passeggiata nel bosco e abbiamo giocato con la casetta, le altalene e il cane. In Cascina abbiamo fatto falegnameria, abbiamo costruito le pistole a elastici e le fionde mentre il turno di cucina cucinava.

Dopo pranzo abbiamo giocato, chi doveva finire in falegnameria ha finito, poi abbiamo imparato a fare il dentifricio in casa col caolino, il bicarbonato, il sale e l’olio essenziale e dopo abbiamo giocato a “la rete della permacultura”, per conoscere tutte le connessioni tra gli esseri viventi (compreso l’essere umano). Dopo abbiamo fatto merenda (latte o yogurt e pane – fatto da noi – con burro e miele) e poi abbiamo giocato in frutteto a bandiera e ci siamo arrampicati sugli alberi, così intanto abbiamo tenuto compagnia a Canapicchia che da sola in frutteto non ci vuole più stare.

 DSCN1510

MERCOLEDI’

Al mattino abbiamo pensato agli orti, al box di Canapicchia e all’acqua degli animali, poi abbiamo fatto l’assemblea e poi chi era iscritto ha fatto il laboratorio delle tracce con Erminia (abbiamo imparato a riconoscere le tracce lasciate dai vari animali selvatici, dalle orme alle cacche alle penne, e abbiamo anche provato a prendere col gesso l’impronta… del cane Oscar!) e gli altri hanno fatto una passeggiata con Canapicchia, Alissa, Pablito, Oscar e Piccola (una cavalla, due asini e due cani) fino al prato sul fiume, dove abbiamo giocato e raccolto le ortiche. Tornati in Cascina abbiamo cucinato, raccolto altre ortiche e farinaccio per la frittata, fatto il pane, fatto falegnameria. Dopo pranzo abbiamo giocato e poi i grandi hanno fatto un’attività sui punti di vista, lavorando con cartine, disegni doppi, testimonianze “da interpretare” e elaborazioni sui sassi (dovevamo trasformarli per far capire agli altri a cosa somigliano secondo noi), mentre i più piccoli hanno giocato con il pongo e disegnato. Alla fine megamerenda per tutti.

GIOVEDI’

Stamattina abbiamo irrigato gli orti, dato da bere a Canapicchia e Oscar, pulito la stalla delle asine e il box della cavalla, poi abbiamo fatto l’assemblea e dopo siamo andati a Rocca Brivio dove ci siamo divisi in due gruppi, uno di bambini fino a sette anni e uno di bambini sopra i sette, e ogni gruppo ha fatto delle attività diverse con due guide. Abbiamo scoperto  che Rocca Brivio è nata come fortezza medievale, poi nel 1300 è stata comprata dai marchesi Brivio come residenza estiva di campagna. Abbiamo visitato il cortile, la sala del camino, la stalla, il giardino. Poi il gruppo cucina è andato a preparare il pranzo e e un altro è andato in cerca di tracce e ha raccolto la malva e il sambuco nel bosco di Rocca Brivio e sulla strada del ritorno. In Cascina, il gruppo che aveva curato la cavalla ha potuto cavalcare fino al pratone  e gli altri hanno raccolto il sambuco. Dopo pranzo abbiamo giocato. Dalle tre e mezza il gruppo dei grandi ha proseguito il lavoro sui punti di vista, ha creato delle mappe narrative della cascina, poi abbiamo parlato dell’impronta ecologica e del fatto che le risorse naturali oggi sono troppo sfruttate dall’umanità e distribuite in modo ingiusto. Abbiamo quindi giocato a Campo minato, un gioco per capire che chi ha l’impronta ecologica più grande distrugge più natura. Intanto i piccoli hanno preparato la marmellata di sambuco e hanno fatto il formaggio.

VENERDI’

Quando siamo arrivati ci siamo occupati degli orti, della cavalla e delle asine, poi abbiamo preparato la pasta per la pizza e dopo abbiamo fatto la caccia al tesoro. Ha vinto la squadra C, che ha deciso di dividere il tesoro con l’altra squadra che aveva concluso il percorso. Poi abbiamo preparato il burro con la panna fresca e il sale aromatizzato. Siamo andati a fare il picnic in un prato grandissimo vicino alla Cascina, con l’asina Alissa e il piccolo Pablito, Canapicchia e Oscar. Abbiamo mangiato la pizza e giocato tra noi e con gli animali, poi abbiamo fatto l’assemblea finale in cui ognuno ha detto cosa gli era piaciuto e cosa no della settimana, cosa aveva imparato e cosa avrebbe cambiato delle sue abitudini quotidiane (sprecare meno acqua ed energia, stare più attenti a riutilizzare e riciclare i materiali, produrre da sé cibi e oggetti ecc.). Poi abbiamo giocato a Bafa Bafa, un gioco in cui due squadre devono inventare un loro linguaggio fatto di gesti e parole e quando si incontrano devono capire il più possibile del linguaggio dell’altro. Quando siamo tornati in Cascina abbiamo fatto la “battaglia di bottiglie” e preparato i nostri zaini, e ognuno ha portato a casa le cose che aveva prodotto.

Annunci

Informazioni su Praticare il Futuro

La cooperativa sociale Praticare il futuro nasce nel maggio 2011 per proporre a donne e bambini opportunità per sperimentare forme di economia equa, sostenibile e solidale. Vogliamo aiutare le madri a conciliare meglio l’attività lavorativa e quella familiare, offrendo servizi (doposcuola, campi estivi) da progettare e gestire in modo partecipato. Ma vogliamo anche aiutare i bambini e le bambine a crescere meglio, a contatto con la terra e con il loro territorio, imparando a prendersi cura di piante e animali, a produrre cibo, idee, giocattoli e opere d’arte, ad autogestirsi e a collaborare, a sviluppare un pensiero critico e a responsabilizzarsi verso se stessi, la comunità, il pianeta. E vogliamo aiutare le loro madri e le loro famiglie a creare un’economia di relazione, di scambi solidali di competenze e servizi.

Pubblicato il 23 luglio 2013, in bambini e bambine, CAMPI ESTIVI, cascina bambini, VACANZE con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: