VENERDI’ 31 OTTOBRE 2014: QUARTA GIORNATA DI SCUOLA IN FATTORIA

DSCN4763Con Loredana i ragazzi hanno stabilito il menu del giorno, sapendo di avere del pesce e delle patate. Hanno stimato quantità e costi, poi verificati tramite gli scontrini. Sofia, Laura, Matilda hanno formulato una tabella menu e costi molto interessante! Hanno anche preprato krapfen e biscotti di Halloween.

Insieme si è ricapitolato che cosa è un testo e cosa vuol dire produrre un testo, dopo di che si è stabilito che il tema su cui lavorare sarà la “scuola in cascina”, che ognuno svilupperà secondo la tipologia testuale scelta. Si lavorerà anche alla realizzazione di documentari.

Con Sandra i ragazzi hanno accudito gli animali: pulizia della stalla, acqua e fieno. Hanno osservato il comportamento degli animali e fatto deduzioni sul loro linguaggio. Hanno anche portato il letame nell’orto didattico. Dopo pranzo hanno cominciato a preparare l’orto invernale: tolto le piante di pomodoro e i loro sostegni, diserbato, rastrellato, vangato e incorporato il concime. In seguito hanno continuato il lavoro sull’antropocentrismo: hanno letto e commentato un articolo su un cigno e un’orsa uccisi dagli esseri umani perché li avevano aggrediti per difendere i piccoli e cominciato a ragionare sull’antropocentrismo che caratterizza in particolare la cultura occidentale, analizzando le differenze con diverse culture indigene, partendo dall’osservazione di una maschera di legno maya che rappresenta tre diversi animali, tra cui l’essere umano, che è appunto considerato uno dei tanti esseri viventi che vivono in interdipendenza tra loro, e da una preghiera di caccia degli Inuit, in cui si chiede perdono all’orso che si deve uccidere. Si è anche parlato dei rituali di implorazione del perdono della terra per l’aratura e di ringraziamento per il raccolto, che caratterizzano molte culture indigene.

DSCN4770

Annunci

Informazioni su Praticare il Futuro

La cooperativa sociale Praticare il futuro nasce nel maggio 2011 per proporre a donne e bambini opportunità per sperimentare forme di economia equa, sostenibile e solidale. Vogliamo aiutare le madri a conciliare meglio l’attività lavorativa e quella familiare, offrendo servizi (doposcuola, campi estivi) da progettare e gestire in modo partecipato. Ma vogliamo anche aiutare i bambini e le bambine a crescere meglio, a contatto con la terra e con il loro territorio, imparando a prendersi cura di piante e animali, a produrre cibo, idee, giocattoli e opere d’arte, ad autogestirsi e a collaborare, a sviluppare un pensiero critico e a responsabilizzarsi verso se stessi, la comunità, il pianeta. E vogliamo aiutare le loro madri e le loro famiglie a creare un’economia di relazione, di scambi solidali di competenze e servizi.

Pubblicato il 8 novembre 2014, in bambini e bambine, SCUOLA, scuola in fattoria con tag , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: