Laboratorio Pane e Formaggio_ 13 dicembre 2014

Per prima cosa abbiamo parlato degli ingredienti necessari per fare il pane e di pasta madre e dei suoi vantaggi, poi abbiamo realizzato un morbidissimo impasto on il lievito madre e la farina prodotta in Cascina. Abbiamo lavorato la massa tutta insieme, a turno, e poi ognuno il suo pezzetto. Poi l’abbiamo messa a lievitare, abbiamo intiepidito il latte crudo e dopo abbiamo aggiunto caglio, siero e acido citrico (ma va bene anche il succo di limone), abbiamo mescolato il tutto e l’abbiamo lasciato riposare. Abbiamo approfittato della pausa per andare a trovare i maiali, le mucche e soprattutto asine e cavalla nel loro grande pascolo, dove abbiamo coccolato gli animali, gli abbiamo dato il pane secco, li abbiamo strigliati e portati in giro, ma ci siamo anche scatenati su e giù per i fossi. Al ritorno ognuno ha dato forma al suo panino e poi in forno! Intnato si era formata la cagliata del formaggio (lo stecchino di legno con cui abbiamo fatto la prova stava abbastanza dritto), quindi abbiamo rotto la cagliata con una frusta in tanti pezzettini e abbiamo cominciato a scolarla. E’ stato un lavoro davvero lungo! Alla fine però ciascuno ha avuto il suo pane e formaggio da portarsi a casa.

laboratorio formaggio

 

DSCN4993

Annunci

Informazioni su Praticare il Futuro

La cooperativa sociale Praticare il futuro nasce nel maggio 2011 per proporre a donne e bambini opportunità per sperimentare forme di economia equa, sostenibile e solidale. Vogliamo aiutare le madri a conciliare meglio l’attività lavorativa e quella familiare, offrendo servizi (doposcuola, campi estivi) da progettare e gestire in modo partecipato. Ma vogliamo anche aiutare i bambini e le bambine a crescere meglio, a contatto con la terra e con il loro territorio, imparando a prendersi cura di piante e animali, a produrre cibo, idee, giocattoli e opere d’arte, ad autogestirsi e a collaborare, a sviluppare un pensiero critico e a responsabilizzarsi verso se stessi, la comunità, il pianeta. E vogliamo aiutare le loro madri e le loro famiglie a creare un’economia di relazione, di scambi solidali di competenze e servizi.

Pubblicato il 30 dicembre 2014 su bambini e bambine, laboratori creativi, Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: