31 GENNAIO 2016 _ LABORATORIO AVVICINAMENTO CAVALLO

Oggi in Cascina abbiamo fatto un laboratorio di conoscenza e cura del cavallo con quattro ragazzini. Abbiamo salutato la piccola mandria delle asine e dei puledri prima che andassero al pascolo e hanno dato loro carote e fette biscottate, poi abbiamo portato Canapicchia in box e le hanno dato il mangime e l’acqua. Con la carriola abbiamo caricato la paglia per la lettiera e il fieno: ovviamente non poteva mancare una bella arrampicata sulle balle in compagnia del cane Oscar! Portare la carriola carica non è semplice come potrebbe sembrare, come hanno sperimentato i ragazzi. Comunque la mangiatoia è stata riempita e poi i ragazzi si sono dedicati alla pulizia della stalla, scoprendo che anche questa attività è un po’ più complessa di come appare a prima vista, e richiede un certo metodo.

La cavalla è stata poi strigliata, le abbiamo pulito i piedi, l’abbiamo sellata e le abbiamo messo la testiera con filetto e redini. Poi siamo partiti per la nostra passeggiata al pratone. I ragazzi hanno montato a turno, prima condotti sotto mano e poi guidando da soli, e hanno imparato a far partire Canapicchia, a fermarla e a farla andare a destra e a sinistra. Nel pratone abbiamo lavorato con la lunghina lunga, per permettere ai ragazzi di concentrarsi sulla posizione e sugli esercizi di dissociazione senza dover pensare a guidare. Abbiamo anche provato qualche tempo di trotto. Per chi non era in sella, è stata l’occasione per esplorare il prato, le rive del fiume e i margini del boschetto e di osservare le lepri in fuga, le loro tane e le loro cacchine. Al ritorno, un saluto affettuoso alla paziente Canapicchia e arrivederci presto!
DSCN0807

Annunci

Informazioni su Praticare il Futuro

La cooperativa sociale Praticare il futuro nasce nel maggio 2011 per proporre a donne e bambini opportunità per sperimentare forme di economia equa, sostenibile e solidale. Vogliamo aiutare le madri a conciliare meglio l’attività lavorativa e quella familiare, offrendo servizi (doposcuola, campi estivi) da progettare e gestire in modo partecipato. Ma vogliamo anche aiutare i bambini e le bambine a crescere meglio, a contatto con la terra e con il loro territorio, imparando a prendersi cura di piante e animali, a produrre cibo, idee, giocattoli e opere d’arte, ad autogestirsi e a collaborare, a sviluppare un pensiero critico e a responsabilizzarsi verso se stessi, la comunità, il pianeta. E vogliamo aiutare le loro madri e le loro famiglie a creare un’economia di relazione, di scambi solidali di competenze e servizi.

Pubblicato il 7 febbraio 2016 su Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: