Formazione insegnanti, educatori e responsabili di enti educativi 2016

Il quadro normativo1 sollecita la scuola a monitorare le competenze disciplinari ed emotivo-civiche per certificarle, unitamente al riconoscimento di quelle extrascolastiche. In particolare si afferma che:

La certificazione delle competenze, che accompagna il documento di valutazione degli apprendimenti e del comportamento degli alunni, rappresenta un atto educativo legato ad un processo di lunga durata e aggiunge informazioni utili in senso qualitativo in quanto descrive i risultati del processo formativo, anche in vista della ulteriore certificazione delle competenze al termine dell’obbligo di istruzione del secondo ciclo. Tale operazione, pertanto, piuttosto che come semplice trasposizione degli esiti degli apprendimenti disciplinari, va intesa come valutazione complessiva in ordine alla capacità degli allievi di utilizzare i saperi acquisiti per affrontare compiti e problemi, complessi e nuovi, reali o simulati.

La certificazione richiama l’attenzione sul nuovo costrutto della competenza, che impone alla scuola di ripensare il proprio modo di procedere, suggerendo di utilizzare sia gli apprendimenti acquisiti nell’ambito delle singole discipline all’interno di un più globale processo di crescita individuale, sia la raccolta di esperienze extrascolastiche.

La proposta formativa ai diversi enti educativi ha come intento la condivisione di un approccio a:

  • il riconoscimento e monitoraggio delle competenze possedute da tutti i bambine/ragazzi/adolescenti per consentire la loro certificazione; in particolare far si che anche gli enti territoriali possano offrire alla scuola un curricolo extrascolastico, quale contributo al riconoscimento della variegata personalità di ogni alunno;

  • come affrontare temi-problemi, ormai centrali della nostra quotidianità, sia per modificare i personali stili di vita sia per ideare e sperimentare collettivamente soluzione inedite;

  • come includere ogni ragazzo/a, anche se presenta qualche problema di apprendimento-attenzione.

partire da queste ultime considerazioni la cooperativa Praticare il Futuro e l’associazione locale di Coordinamento Nazionale Insegnanti Specializzate (CNIS_MI_PV) in stretta collaborazione tra loro si propongono come enti qualificati per la formazione-integrazione teorico-pratica di insegnanti, educatori e responsabili di enti educativi.

1 Quadro normativo di riferimento: DPR 275/99: certificazione e qualità – DLgs 59/04: certificazione e primo ciclo- DM 139/07: certificazione e obbligo di istruzione – Legge 169/08: certificazione e voto numerico – DPR 122/09: modalità di certificazione – DM 254/12: certificazione e Indicazioni – DLgs 13/13: sistema nazionale di certificazione

Per maggiori informazioni cliccare qui: 2016-proposta formazione insegnanti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: