PROTOCOLLO SANITARIO

PROGETTO CAMPI ESTIVI 2020 Soggetto: Cooperativa sociale Praticare il futuro 

CASCINA CAPPUCCINA (MELEGNANO)

 

PROTOCOLLO SANITARIO (secondo le indicazioni ministeriali)

  • 1) il calendario di apertura e orario quotidiano di funzionamento, con distinzione dei tempi di effettiva apertura all’utenza e di quelli – precedenti e successivi – previsti per la predisposizione quotidiana del servizio e per il suo riordino dopo la conclusione delle attività programmate

Il campo estivo della cooperativa Praticare il futuro sarà aperto dal 15 giugno all’11 settembre, dal lunedì al venerdì, con entrata dalle 8 alle 9 e uscita dalle 17 alle 18

  • 2) il numero e età dei bambini e degli adolescenti accolti, nel rispetto di un rapporto con lo spazio disponibile tale da garantire il prescritto distanziamento fisico

Verranno accolti al massimo 30 bambini/e e ragazze/i dai 4 ai 17 anni, divisi in gruppi (4-5 anni, 6-11 anni, 12-17 anni). Gli spazi molto ampi presenti in Cascina Cappuccina, sia all’aperto che al chiuso, potranno garantire il necessario distanziamento. Le attività verranno svolte in massima parte all’aperto.

  • 3) gli ambienti e spazi utilizzati e loro organizzazione funzionale, mediante l’utilizzo di una piantina delle aree chiuse nella quale i diversi ambiti funzionali – ad esempio, accessi, aree gioco, aree servizio, ecc. – siano rappresentati in modo chiaro e tale da costituire base di riferimento per regolare i flussi e gli spostamenti previsti, nonché per verificarne preliminarmente la corrispondenza ai richiesti requisiti di sicurezza, igiene e sanità, distanziamento fisico

Alleghiamo piantina della Cascina Cappuccina. Come area chiusa verrà utilizzata solo la serra, aperta sui lati. Lavoreremo, a rotazione, in pascolo, orto, giardino e faremo escursioni intorno alla Cascina. L’ampiezza degli spazi garantisce la necessaria sicurezza. All’ingresso della Cascina, all’aperto, verrà allestito il punto di accoglienza (indicare i vari luoghi nella piantina)

  • 4) i tempi di svolgimento delle attività e loro programma giornaliero di massima, mediante un prospetto che espliciti con chiarezza le diverse situazioni e attività che si svolgono dall’inizio al termine della frequenza e individuando altresì i momenti in cui è previsto di realizzare routine di lavaggio delle mani e di igienizzazione degli spazi e materiali

Le mani verranno lavate all’entrata, all’uscita, prima dei pasti e tra le varie attività. Il programma di massima prevede due attività al mattino e una al pomeriggio, con merenda a metà mattina, pranzo e merenda prima dell’arrivo dei genitori. Sono previsti tra l’altro laboratori di autoproduzione, escursioni naturalistiche, attività di fattoria (cura animali e orto), gioco libero, laboratori e giochi sulla sostenibilità ecc. Al mattino ogni gruppo decide le attività che intende svolgere e le educatrici si accordano per evitare che i gruppi si incrocino.

Per la sanificazione vedi al punto 10.

  • 5) l’elenco del personale impiegato (nel rispetto del prescritto rapporto numerico minimo con il numero di bambini ed adolescenti accolti), ivi compresa la previsione di una figura di coordinamento educativo e organizzativo del gruppo degli operatori

Lavoreranno nei campi estivi le cinque socie lavoratrici educatrici fisse della cooperativa (quattro dipendenti e una collaboratrice fissa), più altri quattro/cinque educatori/trici assunte/i con contratto stagionale. I gruppi saranno fissi e verranno seguiti per quanto possibile dalle/dagli stesse/i educatori/educatrici. Due socie della cooperativa saranno le coordinatrici educative/organizzatrici.

  • 6) le specifiche modalità previste nel caso di accoglienza di bambini ed adolescenti con disabilità o provenienti da contesti familiari caratterizzati da fragilità, identificando le modalità di consultazione dei servizi sociosanitari al fine di concordare le forme di individualizzazione del progetto di attività da proporre e realizzare

Non possiamo permetterci economicamente il rapporto 1/1 richiesto per accogliere bambini e adolescenti portatori di disabilità. Potremo accogliere bambine/i o adolescenti provenienti da contesti familiari fragili, elaborando progetti personalizzati, proponendo tariffe ridotte, solo se verranno accolte le nostre richieste di convenzione con gli enti locali

  • 7) le specifiche modalità previste per l’eventuale utilizzo di mezzi per il trasporto dei bambini ed adolescenti, con particolare riguardo alle modalità con cui verrà garantita l’accompagnamento a bordo da parte di figura adulta, nonché il prescritto distanziamento fisico

Bambine/i e ragazze/i verranno accompagnati dai genitori

  • 8) le modalità previste per la verifica della condizione di salute del personale impiegato, attraverso dichiarazioni e certificazioni da identificare in accordo con le competenti autorità sanitarie locali

Gli educatori/le educatrici saranno dotati/e di mascherine e si impegneranno a controllarsi regolarmente la temperatura e di denunciare qualsiasi segno di alterazione febbrile o tosse.

  • 9) l’elenco dei bambini ed adolescenti accolti e modalità previste per la verifica della loro condizione di salute, attraverso dichiarazioni e certificazioni da identificare in accordo con le competenti autorità sanitarie locali

I/le bambini/e e le/i ragazze/i verranno accolti tramite iscrizione, con anticipo di almeno una settimana per poter formare i gruppi, e i genitori firmeranno un modulo in cui si impegnano a prendere tutte le cautele per prevenire, nei limiti del possibile, il contagio e a controllare la temperatura dei figli/delle figlie

  • 10) il rispetto delle prescrizioni igieniche inerenti alla manutenzione ordinaria dello spazio, il controllo quotidiano dello stato dei diversi arredi e attrezzature in esso presenti e loro relativa pulizia approfondita periodica

I bagni verranno sanificati con ipoclorito di sodio ogni sera, come pure tutte le attrezzature usate. Durante la giornata i bagni verranno puliti regolarmente utilizzando detersivi ecologici.

  • 11) le previste modalità di verifica quotidiana delle condizioni di salute delle persone che accedono all’area e del regolare utilizzo delle mascherine

Ai genitori verrà chiesto di portare i bambini dai sei anni in su con l’opportuna dotazione di mascherine (ne terremo comunque alcune di riserva, possibilmente del tipo lavabile) e dovranno firmare nel modulo di iscrizione l’impegno di verificare ogni mattina la temperatura dei bambini/delle bambine.

  • 12) quanto eventualmente inerente alla preparazione e consumo di pasti

Il pranzo e le merende verranno preparati dalle famiglie e portati dai bambini stessi. Si svolgeranno in serra o comunque in luogo ampio, con l’opportuno distanziamento e curando che non vengano condivisi né alimenti né stoviglie.

Firmato: la presidente Alessandra Cangemi

  •  3-5 anni campo piccoli (5 bambini / 1 educatore) (link)
  • 6-11 anni campo medi (7 bambini / 1 educatore) (link)
  • 12-17 anni campo adolescenti  (10 razzi / 1 educatore) (link)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: