Insieme contro la dispersione scolastica

INTEGRAZIONE SCUOLA

PER IL SUCCESSO SCOLASTICO DI RAGAZZI/E IN MOMENTANEA DIFFICOLTA’

E A RISCHIO DI DISPERSIONE SCOLASTICA

La cooperativa Praticare il Futuro e l’associazione locale di Coordinamento Nazionale Insegnanti Specializzate (CNIS_MI_PV) in stretta collaborazione tra loro si propongono come enti qualificati per una proposta di “integrazione scuola” offerta a quegli alunni che mostrano alcune fragilità.

Una integrazione che riconosce alla scuola il compito primario dell’insegnamento dei saperi disciplinari, e al contempo alle risorse del territorio, in particolare alla cooperativa Praticare il Futuro che opera presso l’azienda agricola Cascina S. Brera di S. Giuliano Milanese, il compito di applicare nelle pratiche quotidiane tali saperi, coniugando quindi il curricolo scolastico con quello extrascolastico, come richiesto dalle recenti Indicazioni Ministeriali, dalle Linee Guida alla certificazione delle competenze e dalla Legge  107-2015, comma 3/flessibilità con famiglie e territorio.

Gli scopi:

– promuovere il successo scolastico di alcuni ragazzi a rischio, potenziando quanto sanno, quanto sanno fare nell’interazione con gli altri e l’ambiente, per accrescere l’autostima e l’auto-co-regolazone (contro la dispersione scolastica);

– scoprire che alcuni saperi disciplinari sono necessari alle  pratiche quotidiane (es la cucina, la falegnameria, il cucito, la cura dell’orto e degli animali), pertanto sviluppare la capacità argomentativo-critica tra i compagni e l’educatore in rapporto agli aspetti conoscitivi, operativi e socio-emotivi-civici, nell’ottica dell’apprendere ad apprendere; (contro la frustrazione-demotivazione)

– sviluppare  una riflessione sistemica sia su come si apprende e come si procede declinando alcuni processi, sia comprendendo il contesto dato dall’azienda agricola, dai vari partecipanti e dai compiti quotidiani, per superare alcune barriere relative alla stima di sé, all’egocentrismo, alla consapevolezza di possedere alcune abilità su come trovare soluzioni ai problemi reali, allargando via via tale consapevolezza al contesto globale, per capire in che modo possiamo influire positivamente sui principali problemi mondiali (contro l’impotenza appresa,  a favore del benessere scolastico)

Il monitoraggio dei processi attivati, quelli relativi alla dimensione del sapere, del fare e del rapportarsi civilmente, è descritto nel curricolo extrascolastico personale dello studente e determina un Bilancio delle sue competenze e dei suoi apprendimenti, da affiancare a quello scolastico.

La frequenza del gruppo di alunni è di due giorni al mese o di un giorno alla settimana, dalle 8-9 alle 15.

Costi: 25 euro al giorno ad alunno, compreso il pranzo biologico.

Per informazioni: Sandra Cangemi: sandra.cangemi@praticareilfuturo, 3357745510

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: