Archivi Blog

LABORATORIO DI PITTURA NEL FRUTTETO 14 marzo 15

Il laboratorio si è aperto con un fuori programma: un giretto con una carrozza a cavalli che era venuta a visitare la Cascina. Poi i bambini hanno attaccato i nostri cartoncini ai cavalletti e hanno cominciato a dipingere con tempere e acquerelli (erano disponibili anche ppennarelli e pastelli a cera ma nessuno li ha usati). Nonostante qualche crollo di cavalletto a causa del vento hanno lavorato con molta concentrazione, ritraendo arbusti in fiore e altro. Nonostante le cattive premesse della mattina, nel pomeriggio si è perfino fatto vedere il sole! Finite le opere d’arte hanno giocato un po’ nell’area attrezzata del frutteto, poi hanno riordinato e infine sono andati con Sandra a salutare asine e cavalle al pascolo e hanno dato loro qualche pezzetto di mela.

DSCN5586

LABORATORIO CAVALLA – SABATO 3 GENNAIO 2015

DSCN5196

Per prima cosa i bambini si sono misurati con le esigenze materiali degli animali: pulire la stalla e mettere la lettiera pulita, portare il fieno in mangiatoia e l’acqua in abbeveratoio. Hanno conosciuto la funzione del letame portandolo in orto per la concimazione. Poi sono andati nel pascolo delle asine e della cavalla, dove hanno potuto avvicinarli in un ampio spazio, dare loro le mele e conoscerle una per una. Hanno portato la cavalla al box per la strigliatura, la pulizia dei piedi e la bardatura. Siamo andati a fare una passeggiata su un sentiero sgombro dalla neve dove uno per volta hanno montato prima sottomano e poi guidando la cavalla: hanno cominciato a imparare a farla partire e accelerare, spostarla a destra e a sinistra e fermarla, tutto naturalmente al passo. Hanno poi fatto degli esercizi con la lunghina lunga per imparare il giusto assetto e la dissociazione tra la parte alta e la parte bassa del corpo. Alla lunghina hanno anche provato qualche tempo di trotto. Al ritorno hanno dissellato e dato acqua, fieno e mangime a Canapicchia. E naturalmente coccole e caramelle.

DSCN5186

MAGGIO IN FATTORIA

P1000207

DOMENICA 11 MAGGIO: GIRO DELLA FATTORIA

Abbiamo conosciuto le asine e la cavalla nel loro bel pascolo: li abbiamo coccolati, puliti, abbiamo dato loro del pane secco e abbiamo provato a portarli sotto mano. Nello stesso prato, ma in un altro recinto, c’erano i maiali che si rotolavano nel fango, e ne pascolo accanto le mucche e i vitelli. Poi siamo andati a vedere le galline nei loro pollai su ruote. Vivono proprio bene gli animali in Cascina!

foto 5 a

LUNEDI’ 12 MAGGIO: QUINTO INCONTRO DEL CORSO AVVICINAMENTO AL CAVALLO

Nella passeggiata verso la radura sul fiume ha montato Emanuele, che si è esercitato nel far cambiare direzione a Canapicchia e nel trotto, e poi le ha fatto fare una passeggiatina nel prato (è riuscito a non farla brucare!). Alla lunghina ha lavorato Lisa, che tenendosi a un ciuffo di criniera è riuscita finalmente a battere il trotto ed era molto soddisfatta. Ludovica ha provato a giocare a un due tre stella a cavallo, ma è un esercizio ancora un po’ troppo difficile. Al ritorno invece si è fatt auna bella trottata. Al box abbiamo dissellato la cavalla e le abbiamo dato da bere e da mangiare, poi l’abbiamo riportata al pascolo (Francesca l’ha montata senza sella). Poi abbiamo portato le taniche di acqua fino al pascolo e abbiamo dato da bere a asine e cavalla.

MARTEDI’ 13 MAGGIO: PERCORSO PANE ORTO SCUOLA ELEMENTARE SAN DOMENICO MELEGNANO

Le due classi di prima e seconda elementare sono arrivate e tornate a piedi: congratulazioni ai bambini e alle maestre! Per prima cosa abbiamo fatto il pane con la farina biologica e la pasta madre, poi una classe ha fatto il giro della fattoria: abbiamo visitato il frutteto, siamo entrati nel pascolo delle asine e della cavalla e le abbiamo strigliate, abbiamo dato loro il pane secco e abbiamo provato a portarle sotto mano, poi abbiamo osservato i maiali, le mucche e le galline e parlato delle differenze tra l’allevamento intensivo e quello rispettoso del benessere animale e dell’uso degli animali per preparare i terreni alle colture in modo biologico. L’altra classe ha visitato l’orto biologico e poi ha lavorato nell’orto didattico: ha diserbato e seminato i fagioli. Poi i bambini hanno pranzato (e imparato qualcosa sul riciclaggio dei rifiuti) e dopo pranzo la classe che aveva lavorato nell’orto ha fatto il giro della fattoria e viceversa. Alla fine, distribuzione dei panini e dei vasetti con le semine e saluti a tutti.

foto

VENERDI’ 16 MAGGIO: SEDICESIMO INCONTRO SCUOLA IN FATTORIA

Appena arrivati, i bambini hanno deciso con Loredana cosa cucinare; hanno preparato la torta di mele e pane e poi sono andati a raccogliere i germogli di luppolo dentro e fuori dalla cascina, che hanno utilizzato per condire la pasta al forno cucinata per il pranzo. Mangiando la torta col tè hanno ragionato sull’utilità dell’albergo degli insetti, hanno esaminato i progetti presentati dai bambini, sulle singole parti delle varie costruzioni progettate relative a specifiche figure geometriche e su come costruirle con il cartoncino usando righello e compasso. La prossima volta cominceremo a costruire le varie parti in legno. Con Sandra, i bambini hanno portato la cavalla al pascolo, poi hanno letto l’intervista a un’ebrea tedesca sopravvissuta ad Auschwitz e ripreso il dibattito sulla responsabilità e la solidarietà, i pregiudizi e la conoscenza degli altri riportandole a situazioni contemporanee. Poi hanno iniziato a guardare un documentario della serie “La terra vista dal cielo” dedicato alla fame e alla sovranità alimentare. Hanno anche discusso del metodo per fare ricerca di dati su Internet (nel caso specifico nessuno/a era riuscita/o a trovare i dati che ancora mancano per il documentario sula carne: la percentuale di carne prodotta col metodo biologico in Italia e lo spazio previsto dalla legge italiana per gli animali allevati in modo biologico e convenzionale, che sono da cercare per la prossima volta). Nel pomeriggio hanno fatto una breve passeggiata nel bosco fino al fiume, raccolto fiori di sambuco per preparare la bevanda al sambuco e osservato i rifiuti abbandonati nel bosco e nei fossati), Al ritorno hanno lavorato nell’orto didattico: irrigato, diserbato e seminato i fagioli. Poi hanno fatto un gioco, “Arraffa”, sull’eccessivo e ineguale consumo delle risorse naturali, e hanno finito di vedere il documentario.

SABATO 17 MAGGIO: LABORATORIO “A TUTTA PASTA”

Abbiamo preparato la pasta all’uovo e poi fatto le tagliatelle con la macchinetta: ci sono riuscite anche le due bambine di tre anni! Poi abbiamo preparato la pasta briseé (una alternativa buona e leggera per le torte salate ottima anche per lo strudel) e imparato a stenderla sottile col mattarello. Per finire, abbiamo fatto la pasta frolla, da usare per le crostate o i biscotti. Alla fine i bambini hanno riordinato e ognuno ha portato a casa le sue produzioni.

DOMENICA 18 MAGGIO: FESTA DI COMPLEANNO FAI DA TE

Abbiamo pesato e misurato gli ingredienti e preprato un’ottima pasta frolla, con cui abbiamo fatto i bisoctti, decorati con pezzetti di cioccolato. Mentre i biscotti cuocevano, siamo andati a conoscere le asine e la cavalla Canapicchia: abbiamo imparato come si dà loro il pane (con la mano a “cucchiaio”), come le si striglia e come si portano in giro. Poi siamo andati a vedere i maiali, le galline e le mucche e abbiamo scoperto che non solo vivono molto meglio dei loro “colleghi” degli allevamenti industriali, ma aiutano a preparare la terra per le coltivazioni, brucando e concimando, senza bisogno del lavoro umano e di inquinare la terra e l’acqua con sostanze chimiche.

Dopo la merenda, i ragazzi hanno giocato a calcio, ma le bambine hanno costruito villaggi e musi di animali con i cartoncini colorati, la colla e i pennarelli. Sono venute fuori delle cose veramente carine! Abbiamo anche portato a casa i biscotti avanzati.

MARTEDI’ 20 MAGGIO: PERCORSO PANE-ORTO

Appena arrivati, tutti a lavare le mani, poi a indossare grembuilini e cappellini. Abbiamo parlato del le regole da rispettare durante la giornata, poi della farina e del pane. Abbiamo preparato la massa con la pasta madre e poi ognuno ha fatto il suo panino. Li abbiamo messi a lievitare. Dopo la merenda una classe ha osservato l’orto grande e lavorato in orto didattico, diserbando e seminando fagioli, e l’altra è andata a vedere il frutteto e le api, i maiali, le mucche e le galline e ha coccolato e giocato con gli asinelli e la cavalla. Li abbiamo anche strigliati e portati in giro. Dopo pranzo abbiamo giocato in cortile e poi ci siamo scambiati: la classe che aveva fatto il giro degli animali ha lavorato in orto e viceversa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: